Consigli per il tuo cuore

Noci, mais e cugini...

Nella donna in menopausa, l’aggiunta di frutta secca, mais, noci, semi, legumi e oli vegetali aiuta a controllare il colesterolo. Attenzione però a non esagerare con le dosi: si rischia di introdurre troppe calorie.

Bambini a rischio

Stare attenti al soprappeso e ridurre i grassi animali. I bambini con alti valori di colesterolo LDL (cattivo) e bassi valori di c-HDL (colesterolo buono), specie se obesi, possono avere le carotidi (arterie del collo) ispessite e indurite come quelle di un uomo di 45 anni.

Proteine dal pesce

Conviene scegliere il pesce come fonte di proteine, perché contiene acidi grassi ad azione protettiva per i vasi sanguigni. Anche se non agiscono direttamente sul colesterolo, ma aiutano la circolazione.

Integrale è bello

Ricorda di consumare regolarmente proteine di origine vegetale (fagioli, ceci ed altri legumi) e alimenti integrali. Sono ricchi di fibre alimentari e riducono l’assorbimento del colesterolo da parte dell’intestino.

Attenzione in cucina

Se scegli con cura gli alimenti, non dimenticare che occorre anche vedere come li condisci. Quindi consuma i cibi all’acqua, al vapore e al forno ricordando che in ogni modo devi ridurre i condimenti grassi.

Scegli il bianco

Pollo e tacchino sono valide alternative alle carni più grasse. Sono molto ricchi di proteine, e quindi vanno bene anche per i più piccoli, poco grassi e molto digeribili. Occhio solo al condimento e alla pelle: meglio evitarli.

Pericolo stuzzichini

Patatine, biscottini, cibi sott’olio possono essere vere e proprie "bombe" caloriche, perché spesso sono ricchi di grassi e di sale, che favorisce la ritenzione di liquidi. Ricordalo durante l’happy hour!

Sale che scende

Il sale in eccesso può essere pericoloso per il cuore, specie per le donne. Favorisce la ritenzione di liquidi e l’aumento della pressione arteriosa. Quindi consuma alimenti che non contengano sale e non aggiungerne come condimento.

Fatti una tisana

Se si consuma una tisana amara, magari a base di carciofo o finocchio, si stimola la secrezione acida dello stomaco che quindi ha più facilità a digerire. Anche la colecisti lavora meglio e con un piatto di verdura come primo riduci l’assorbimento dei nutrienti successivi.

Frutta a go-go

La frutta (in particolare la scorsa di limone) e alcune verdure contengono speciali composti chiamati terpeni che aiutano a ridurre la sintesi di colesterolo, almeno in via sperimentale. Quindi vegetali sempre presenti a tavola.

Occhio alla spesa

Abituati a preparare sempre la lista della spesa, e seguila con cura senz alasciarti prendere dalle offerte o dagli scaffali invitanti. Se riesci a non compare cibi particolarmente grassi, può aiutare il tuo cuore.

Rispetta le abitudini

Per limitare i rischi, assumi qualche sana regola. Se puoi rispetta l’orario dei pasti, senza "saltarne" alcuno e magari mangia sempre nella stessa stanza, e allo stesso posto, per creare e mantenere un appuntamento con il cibo.

Come Bugs Bunny

Ci sono momenti in cui arrivano le "voglie" e rinunciare ad un alimento particolarmente grasso e gustoso sembra impossibile. Tampona le esigenze con un vegetale crudo, da sgranocchiare nei momenti di "crisi".

Ricordati gli esami

Ancora bassi i controlli annuali del colesterolo nella popolazione italiana. Meglio comunque le donne: in media, più di una su due controlla il colesterolo almeno una volta l'anno, contro quattro uomini su dieci.

Consiglio di oggi

Noci, mais e cugini...

Nella donna in menopausa, l'aggiunta di frutta secca, mais, noci, semi, legumi e oli vegetali aiuta a controllare il colesterolo. Attenzione però a non esagerare con le dosi: si rischia di introdurre troppe calorie.